Rosetosharks

Switch to desktop Register Login

L'AVVERSARIA DI TURNO: VIRTUS BOLOGNA In evidenza

Avversaria degli Sharks nella 30^ e ultima giornata di campionato è la Virtus Bologna di coach Ramagli.

Si tratta di una delle squadre più prestigiose del basket italiano e non solo, con una lunga serie di trofei che vanno dai 15 scudetti alle due Eurolega all’inizio del nuovo millennio. Retrocessa lo scorso anno in serie A2 per la prima volta nella sua storia, ha allestito il roster con il chiaro intento di tornare al piano di sopra, cercando ancora adesso un elemento in più per il salto di qualità in vista della maratona play-off. Al momento, si trova in testa alla classifica con 40 punti (20 vittorie e 9 sconfitte il bilancio) insieme a Treviso e Trieste, ma dopo un girone di andata da 13 vittorie su 15 ha subito un’evidente flessione che ha rimesso e non poco in discussione la prima posizione, soprattutto nelle uscite lontano dall’Unipol Arena, dove nella seconda metà del campionato ha trovato i 2 punti solo in due occasioni. In ogni caso, per chiudere la prima parte del campionato davanti a tutti le V Nere hanno bisogno di un successo e della contemporanea sconfitta di Trieste, dunque non faranno sconti a Fultz e compagni, chiamati all’impresa per blindare il sesto posto senza guardare al match tra Ravenna e Mantova. Sicuramente, i ragazzi di coach Di Paolantonio partono sfavoriti ma non battuti: già all’andata hanno dimostrato di poter battere gli uomini di coach Ramagli, cedendo solo negli ultimi 2’ dopo aver condotto per i primi tre periodi di gioco.

Gli esterni. Molto giovane il reparto piccoli, col playmaker titolare Spissu, di proprietà della Dinamo Sassari, classe ’95 ma con già 4 stagioni, nelle quali è migliorato nettamente, alle spalle in questa categoria, che viene sostituito dal classe ’98 Penna, protagonista degli scorsi europei under 18 con la maglia dell’Italia, l’under più utilizzato da coach Ramagli con risultati sorprendenti. Come guardia troviamo il nigeriano con passaporto statunitense Umeh, giocatore già conoscitore del nostro campionato per aver giocato a Verona e Trento in passato e ottimo realizzatore sia da 2 (52%) sia da 3 punti (42%); i suoi due cambi sono Spizzichini, sesto uomo di lusso che può ricoprire i ruoli dall’”1” al “3”, decisivo nel match di andata con una tripla che ha tagliato le gambe agli Sharks nel finale di gara, e il classe ’99 Pajola, uno dei prospetti di cui maggiormente si parla nel panorama italiano.

Le ali. L’ala piccola titolare è il veterano Rosselli, ex Torino e Venezia a livelli di serie A, giocatore di categoria superiore come ha dimostrato nella partita al PalaMaggetti, in cui è stato immarcabile principalmente nell’ultimo quarto, mentre il suo cambio è un altro giovane interessante, il classe ’98 Oxilia, prodotto del vivaio della Segafredo, dove è arrivato ad appena 15 anni. Nel ruolo di ala grande si alternano Ndoja, che ha collezionato appena 10 presenze a causa degli infortuni ma quando è in campo si sente e usa molto anche l’arma del tiro da 3 punti (38% di realizzazione), e Bruttini, impiegabile anche da “5” in quanto ha un tipo di gioco più interno e fisico rispetto al suo pari ruolo, arrivato in corso d’opera da Brescia per allungare le rotazioni ma fino ad adesso non ha inciso in maniera evidente.

I pivot. Nel pitturato il titolare è Lawson, tra i migliori del campionato nel suo ruolo e capace di tirare col 47% dai 6.75, tuttavia è in leggera flessione rispetto a una prima parte di campionato strepitosa. Dalla panchina esce un altro veterano come Michelori, che a 39 anni riesce ancora ad essere una pedina importante nello scacchiere di coach Ramagli, mentre trova meno spazio il serbo Petrovic, classe ’99 e italiano di formazione.

Il coach. Alessandro Ramagli è uno degli allenatori più esperti del campionato: è stato a Biella per 5 anni, prima di andare a Treviso, Reggio Emilia, Teramo, dove ha lavorato con coach Di Paolantonio, e Verona, prima di sbarcare a Bologna.

 

QUINTETTO

Marco Spissu (11.8 punti, 3.1 assist e 2.1 recuperi in 27.6 minuti)

Michael Umeh (17.4 punti, 3.1 rimbalzi e 2.1 assist in 31.6 minuti)

Guido Rosselli (11.5 punti, 5.8 rimbalzi e 4.4 assist in 29.6 minuti)

Klaudio Ndoja (8.5 punti, 3.8 rimbalzi e 1.9 falli subiti in 25.6 minuti)

Kenny Lawson (18.6 punti, 7.9 rimbalzi e 3 falli subiti in 29.8 minuti)

PANCHINA

Lorenzo Penna (3.8 punti, 1.6 rimbalzi e 1 assist in 14.4 minuti)

Gabriele Spizzichini (5.6 punti, 3.1 rimbalzi e 2.2 assisti in 21 minuti)

Alessandro Pajola (2.3 punti, 1.1 rimbalzi e 0.6 assist in 9.9 minuti)

Tommaso Oxilia (3.3 punti, 2.8 rimbalzi e 0.4 assist in 13.4 minuti)

Davide Bruttini (4 punti, 2.5 rimbalzi e 1.4 falli subiti in 17 minuti)

Andrea Michelori (6.5 punti, 3.7 rimbalzi e 3.4 falli subiti in 17.5 minuti)

Danilo Petrovic (0.9 punti, 0.9 rimbalzi e 0.2 assist in 8.3 minuti)

 

RISULTATO PARTITA ANDATA

Roseto Sharks 81-90 Virtus Bologna (Smith 24, Sherrod 19 – Lawson 25, Umeh 18)

Edoardo Testa, ufficio stampa Roseto Sharks

Vota questo articolo
(3 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Roseto Sharks S.S.D. a r.l. - Piazzale Olimpia 1 - 64026 Roseto degli Abruzzi (TE) - P.I. 01604840676 - Tel. 085-8942890 - Fax 085-8942890 - email: info@rosetosharks.com Registro Stampa n. 664 del Tribunale di Teramo - Direttore Responsabile: Vincenzo Angelico - Editore: Roseto Sharks S.S.D. a r.l. Copyright © 2013. All Rights Reserved. - Powered by MORENO DI EGIDIO

Top Desktop version

Questo sito usa cookie tecnici, di profilazione e analitici. Navigando il sito web dichiari di accettare e acconsentire un utilizzo dei cookie in conformità con i termini di uso espressi nel documento Cookies Info